Scuole e centro storico di Modena: stretta su microcriminalità e baby gang

Prefettura di Modena
26 Febbraio 2021
Temi
Ultimo aggiornamento
Venerdì 26 Febbraio 2021, ore 12:23
Un'azione comune di intervento di prefettura, associazioni dei genitori e forze dell'ordine

Massimo livello di cooperazione tra istituzioni e società civile per contrastare microcriminalità e baby gang. Modena si muove unità nella predisposizione di iniziative a prevenzione e contrasto dei due fenomeni con la linea di intervento decisa, ieri, in prefettura al termine del Comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza pubblica in videoconferenza.

All'incontro, presieduto dal capo di gabinetto Patrizia De Angelis, hanno partecipato anche un rappresentante dell'Ufficio scolastico provinciale, alcuni rappresentanti delle associazioni di genitori (Agea, Agesc e Cgd) e delle cooperative sociali modenesi.

Particolare attenzione, quindi, alle quelle forme di aggregazione giovanile che recentemente sono state protagoniste di episodi di piccola criminalità e di disturbo della civile convivenza.
A tale scopo saranno implementati, d'intesa con le autorità scolastiche ed in raccordo con i soggetti interessati, i servizi delle Forze di polizia, con la collaborazione delle polizie locali, per contrastare i fenomeni più diffusi nelle aree maggiormente a rischio, tra cui quelle nei pressi delle scuole e nei luoghi di aggregazione, e saranno rafforzati i percorsi formativi di sensibilizzazione nei confronti degli studenti.

Importate, al riguardo, l'azione delle associazioni dei genitori presenti alla riunione e degli enti che operano sul territorio in collaborazione con il comune di Modena, che hanno condiviso l'opportunità di sviluppare ulteriori iniziative di educazione alla legalità tra i più giovani.

Tra gli argomenti trattati in tema di sicurezza del territorio, particolare attenzione è stata dedicata alla situazione del Parco XXII aprile, evidenziata dal Comitato "Viale Gramsci e Dintorni". Un'area che, nonostante gli sforzi dell'amministrazione comunale per la riqualificazione e i numerosi controlli delle Forze dell'ordine continua ad essere una delle più problematiche della città.