Terra dei fuochi, il piano 2021: più controlli e ottimizzazione dei presidi fissi

Rogo
Foto di
Imagoeconomica
13 Gennaio 2021
Temi
Ultimo aggiornamento
Venerdì 15 Gennaio 2021, ore 10:48
Nel secondo semestre 2020, quasi 91 mila mq di aree sequestrate e 800 mila euro di sanzioni elevate

Sono state aggiornate, con il nuovo anno, le attività di contrasto al fenomeno dell’abbandono, sversamento illecito e roghi di rifiuti nella Terra dei Fuochi. Il piano operativo è stato approvato, oggi, nel corso di una riunione di coordinamento interprovinciale presieduta dai prefetti di Napoli e Caserta.

Nel corso dell'incontro sono stati presentati i buoni risultati raggiunti nel secondo semestre del 2020, paragonati allo stesso periodo del 2019. Tra questi: 1.468 unità in campo fra esercito e Forze di polizia statali e locali (457 nel 2019); 186 attività produttive controllate (96 nel 2019) di cui 32 sequestrate (12 nel 2019); 1.507 persone identificate/controllate (370 nel 2019) delle quali denunciate 237 (90 nel 2019) e sanzionate 31 (12 nel 2019); elevate sanzioni amministrative per 794.657,99 euro (228.322,67 euro nel 2019); 90.860 mq di aree poste sotto sequestro (42.010 nel 2019).

Ora si guarda avanti con la programmazione degli action day nel primo quadrimestre 2021 e la decisione di ottimizzare i presidi fissi dell'esercito sul territorio, per assicurare una presenza capillare e una vigilanza mirata, anche su obiettivi sensibili.

La nuova programmazione - ferme restando le consuete verifiche di impianti produttivi commerciali, agricoli e industriali per accettarne la regolare gestione nel ciclo dei rifiuti – prevede un incremento dei controlli nei pressi degli insediamenti abitativi irregolari, presenti soprattutto nel territorio dell’area metropolitana di Napoli, ove si registrano abbandono di materiali di vario genere e incendi.

Allegati
File
Allegato Dimensione
Il comunicato 282.67 KB