Viminale, accordo tra Struttura di missione antimafia sisma e Commissario straordinario per la ricostruzione del Centro Italia

Firma dell'accordo di collaborazione tra la Struttura di missione antimafia e commissario del Governo per la ricostruzione post sisma 2016
30 Aprile 2021
Ultimo aggiornamento
Lunedì 3 Maggio 2021, ore 18:22
Lamorgese: «Passaggio strategico per garantire legalità e sicurezza nell’opera di ricostruzione»

Il ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese, ha presieduto oggi al Viminale un incontro con il Commissario straordinario del Governo per la ricostruzione del centro Italia, Giovanni Legnini e il direttore della Struttura di missione per la prevenzione e il contrasto antimafia-sisma, prefetto Carmine Valente, per la sottoscrizione di un accordo di collaborazione per intensificare i controlli antimafia sui lavori di ricostruzione  e rafforzare i presidi di legalità e sicurezza a tutela di tutti i lavoratori impegnati nei cantieri.

«Questo accordo segna un passaggio strategico per garantire legalità e sicurezza nell’opera di ricostruzione nel Centro Italia», ha dichiarato la responsabile del Viminale, rivolgendosi anche ai prefetti i cui territori ricadono nell’area del cratere sismico del centro Italia, collegati in videoconferenza.

Nel testo sono previste misure per rendere più efficace il monitoraggio e controllo in chiave antimafia e anticorruzione dei flussi finanziari e delle movimentazioni di manodopera, tramite l’implementazione di una piattaforma informatica che raccolga, in forma coerente e di facile fruizione per gli organi deputati alle verifiche, i dati concernenti tutti i contratti, gli automezzi e i lavoratori impiegati nei cantieri della ricostruzione.

«L’impegno comune del Commissario del Governo, della Struttura di missione del ministero dell’Interno e di tutte le prefetture coinvolte costituisce infatti – ha aggiunto il ministro Lamorgese - una preziosa rete sul territorio in grado di intercettare e di contrastare possibili infiltrazioni criminali, anche ponendo una doverosa attenzione alla sicurezza nei luoghi di lavoro e senza penalizzare la celerità nell’apertura dei cantieri».

Le stesse prefetture dell’area del cratere sismico potranno utilizzare uno schema, contenuto nell’accordo, come base per la redazione dei protocolli di legalità espressamente previsti dalla citata legge.

Individuati, inoltre, una serie di strumenti per la prevenzione di lavoro nero, dumping contrattuale, concorrenza sleale, evasione contributiva e per assicurare, grazie anche al badge di cantiere, il rispetto delle norme sulla sicurezza nei luoghi di lavoro in tutte le sue forme.

Il Commissario Legnini, nel ringraziare il ministro Lamorgese per l’intensa collaborazione, ha ricordato che «in questi mesi è stato fatto tutto il possibile per semplificare norme e procedure ma è necessario assicurare un punto di equilibrio con l’esigenza di tutelare la legalità».