Sistema delle autonomie

La Repubblica è costituita dai Comuni, dalle Province, dalle Città metropolitane, dalle Regioni e dallo Stato. I Comuni, le Province, le Città metropolitane e le Regioni sono enti autonomi con propri statuti, poteri e funzioni
Sistema delle autonomie

Così recita l’articolo 114 della Costituzione italiana,  come modificato dalla legge costituzionale 18 ottobre 2001, n.3, nel ricondurre ad un sistema delle autonomie e della sussidiarietà la gestione e l’amministrazione della ‘cosa pubblica’.

Al ministero dell'Interno, che assicura la corretta composizione degli organi elettivi degli Enti locali, è affidata la gestione e l'analisi dei dati delle elezioni comunali e provinciali, dei quali cura anche la raccolta informatizzata. Esercita il controllo sugli organi degli Enti locali predisponendo gli atti finalizzati allo scioglimento e adottando i provvedimenti di rimozione o di sospensione degli amministratori locali, nei casi previsti dalla legge. Una specifica attività di monitoraggio segue i casi di scioglimento dei consigli comunali e provinciali per infiltrazioni mafiose e condizionamenti di tipo mafioso. Predispone, inoltre, i decreti sui compensi economici degli amministratori locali.

Il ministero dell’Interno effettua, infine, attività di consulenza in materia di elezioni e nomine presso Regioni ed enti locali rispondendo ai quesiti attinenti le cause di ineleggibilità e di incompatibilità degli amministratori in relazione a specifici reati.

Presso il ministero dell'Interno esiste un'anagrafe degli amministratori locali in carico, il cui elenco è costantemente aggiornato. I dati relativi agli amministratori sono inseriti dagli uffici delle Prefetture.
Anche il personale degli Enti locali è censito dal ministero che  si occupa anche dell'istruttoria della relazione al Consiglio di Stato dei ricorsi straordinari al Presidente della Repubblica presentati dai dipendenti di Province, Comuni e comunità montane. La Commissione per la finanza locale e gli organici degli Enti locali si occupa dell’approvazione dei piani di riorganizzazione dell’apparato e delle piante organiche degli Enti locali dissestati.

Statuti comunali e provinciali

Il ministero dell'Interno, infine, raccoglie e conserva gli statuti comunali e provinciali. In attuazione delle norme previste dal Codice dell’amministrazione digitale, è cura degli Enti locali trasmettere il proprio statuto in formato elettronico. 

TESTO UNICO DELLE LEGGI SULL'ORDINAMENTO DEGLI ENTI LOCALI approvato con Decreto Legislativo 18 agosto 2000, n. 267

Ultimo aggiornamento
Sabato 20 Giugno 2020, ore 07:13